Posts Tagged ‘vacanze’

Adios Spagna

agosto 30, 2008

Siamo appena atterrati a Venezia. Tutto bene. 
Ieri sera cena muy buena in un ristorantino che conosco già da qualche anno, La Palmera (C. Jerusalen 30), dietro il mercato della Boqueria. Consigliatissimo, ottima la paella. 
Abbiamo poi passato l’ultima notte in giro per Barcellona… notte caldissima. 🙂

 

E ora stiamo tornando a casa, più stanchi di quando eravamo partiti, ma anche più pieni!
E’ stato un viaggio fantastico, intenso, completo. Riguardando i primi post inseriti sul blog, ci viene già voglia di ripartire. Sorridiamo guardando le foto, sapendo che ogni più piccolo istante di questa avventura è stato speciale. 

Un po’ di numeri…
15 giorni
1.788 km percorsi
154 euro di carburante
28 euro di autostrade
60 euro di taxi
20 euro di risciò
1 notte in casa di amici
2 notti in hotel
6 notti in campeggio
240 euro di hotel
300 euro di campeggio
293 foto scattate
70 litri di birra (circa)
15 litri di sangria (circa)
20 litri di Fanta lemon (circa)
8 litri di acqua (circa) 
24 post nel blog
69 commenti
1 diretta radio
2.034 visite (alle 17.00 del 30.08.08)

Grazie a Jack, Fili, Luca e co., Tobia (la “presenza”) e tutti quelli che ci hanno seguito, commentato e condiviso con noi questa piccola grande avventura.

<< Nell’agosto del 2008 siamo stati in Spagna… CHE VIAGGIO ! >>

Ciao a tutti.

Matteo (Sir), Marco (Faz), Matteo (Porc), Fabio (Kizza)

aaa

Autogrill Ponte Nelle Alpi (BL), arrivo

Annunci

Era una notte buia e tempestosa… :)

agosto 29, 2008

Quella che inizialmente era sembrata una serata calma e quasi monotona in campeggio, si è rivelata invece scoppiettante e intrisa di colpi di scena, grazie alla “faina più anziana”, Fabio, che con una performance degna dei migliori “protagonisti della notte”, ci ha regalato momenti indimenticabili, mettendo la sua firma indelebile sulla storia di questo viaggio. 🙂
Vittima dell’irresistibile sangria e di qualche birra di troppo (a nostro parere), del ghiaccio nelle bevande o di un passeggero virus intestinale (secondo l’interessato), il nostro nuovo eroe ha animato i bagni del camping per circa 2 ore (a più riprese), con urla lancinanti e versi disumani. Inutile precisare che di vomito si è trattato e che per la comica sequenza nella quale il tutto si è svolto, non abbiamo potuto che piangerci addosso dalle risate o quasi. Lo ringraziamo anche per averci permesso di rendere pubblico l’episodio… 🙂

Abbiamo passato il nostro ultimo giorno tra piscina, tende e sala biliardo e ora ci stiamo preparando per l’ultima serata. Andiamo in centro, a salutare Barcellona e a goderci la movida spagnola. A domani, con gli ultimi aggiornamenti e tutti i numeri del viaggio.

p.s. a proposito di numeri, siamo quasi a 2.000 visite sul blog… per noi, un ottimo risultato!

La piscina del camping 3 Estrellas

La piscina del camping 3 Estrellas

Saragozza 2 e Lleida

agosto 27, 2008

Avevamo previsto una “serata tranquilla per le strade deserte della città”, ma questa Spagna non smette mai di sorprendere e così, siamo andati a dormire all’alba. Qualche dritta per passare una notte insonne a Saragozza: il Bis de Bez è un bel locale lounge vicino a P.za del Pilar (in C. Estebanes 9), mentre El Plata è un club-discoteca (a due passi dal locale sopra citato) dove non mancano mai gente e musica.
Per mangiare bene (piatti semplici, panini, ecc) e spendere poco, consigliamo invece l’Hamburgo’s (in Marceliano Isabal 5) un bar-ristorante vicino all’Avenida De La Independencia. Un “muchas gracias” a F., la nostra guida personale, che oltre ad averci sopportato per una serata intera, ci ha gentilmente ospitato nella sua dimora. 
Dopo una lunga dormita, abbiamo salutato la città dell’Expo 2008 e ci siamo rimessi in viaggio, direzione Barcellona (dove sabato avremo l’aereo per il rientro in Italia). Ora siamo a Lleida, a metà strada, e ci fermeremo qui la notte. Abbiamo trovato una zona che potrebbe andarci bene (sempre con Google Maps) e ora andremo in perlustrazione.

Sono quasi le 20.00 quindi speriamo di trovare presto un luogo adatto dove accamparci, perchè poi con il buio non è semplice sistemare tende e zona fuoco. Mentre scrivo seduto in auto, le altre 3 “faine” stanno facendo la spesa al supermercato. Il nostro viaggio sta giungendo al termine, ma non vogliamo pensarci. Abbiamo ancora 2 giorni e ce li vogliamo godere fino in fondo. Domani saremo a Barcellona e la fiesta continua! 

Foto artistica del Faz

Foto artistica del Faz

p.s. ho appena avuto una discussione animata con un gruppo di Gitani (perchè avevamo l’auto in mezzo strada), ma ho preferito scusarmi e dargli ragione subito… MAI METTERSI CONTRO I GITANI 🙂

Saragozza

agosto 27, 2008

La notte sul lago San Blas è andata benissimo. Il forte vento e la temperatura bassa rispetto alle località visitate in precedenza ci hanno costretto a dormire con felpe e giacche, ma la cosa non ci ha disturbato, anzi. Al risveglio, il paesaggio di fronte a noi si è rivelato ancora più incredibile della sera prima…

Lasciato l’altopiano siamo ripartiti alla volta di Saragozza, nostra ultima grande tappa. In 2 ore siamo arrivati nella nota città spagnola che quest’anno ospita l’Expo. A prima vista Saragozza non ci ha impressionato ma è bastato un pomeriggio e soprattutto una serata per farci cambiare idea: la maestosa basilica di Nostra Signora del Pilar e l’adiacente piazza, il Castillo de la Aljafería e soprattutto il fiabesco Parco Primo de Rivera ci hanno incantato. 

aaa

La basilica di Nostra Signora del Pilar

aaa

Fontane nel parco Primo de Rivera

 

Dormiremo a casa di un amico italiano che vive qui da alcuni mesi (anche lui è soddisfatto della città che non ha nessuna intenzione di lasciare). Dopo 1 settimana avremo quindi nuovamente un vero tetto sopra la testa (non che ci mancasse, ma fa comodo per recuperare un po’ di forze).
Stasera cena al ristorante cinese e serata tranquilla in giro per le deserte vie della città. Domani, si riparte…

Qualcosa di speciale

agosto 25, 2008

Ciao mondo! 
Partiti da Valencia intorno alle 15.00 ci siamo fermati a Torrent, a salutare gli amici di World Of Seeds, una ditta spagnola che produce, vende e distribuisce semi di Cannabis (legali in quasi tutto il mondo e commercializzati per scopi collezionistici).

Con i ragazzi della World Of Seeds

Con i ragazzi della World Of Seeds

Ripreso il viaggio verso Saragozza, abbiamo utilizzato ancora Google Maps per trovare un bel posto dove trascorrere la notte. Guida turistica National Geographic (fatta molto bene), navigatore satellitare (Tom Tom) e il servizio mappe del motore di ricerca, ci hanno guidato in un altro piccolo paradiso terrestre: abbiamo scoperto un grande lago (San Blas), vicino a Teruel, una delle città principali dell’Aragona (la regione di cui fa parte anche Saragozza).

Il lago San Blas

Dopo una serie di perlustrazioni ci siamo accampati su un altopiano a circa 1.000 m S.l.m., che domina dall’alto lo spettacolare specchio d’acqua. Arrivarci non è stata facile, la strada che porta qui è sterrata e sul navigatore satellitare non compariva neanche. Però ne è valsa la pena…

Qui tira un vento forte, le tende si muovono. Non c’è luce intorno a noi, a 360°, niente! Ascoltiamo David Gilmour (ex Pink Floyd) e parliamo di questo e di altri viaggi impossibili che in futuro vorremmo fare, che in futuro faremo.

 

C’è qualcosa di speciale qui, in questi giorni, in quello che stiamo vivendo. Non riusciamo a spiegarci come capitiamo sempre in posti incredibilmente belli, anzi di più… perfetti, godendo di istanti e atmosfere di rara intensità. E forse spiegazione non c’è. E forse va bene così. Noi siamo qui, e stiamo vivendo ogni singolo istante sapendo che per noi sarà storico e indimenticabile. Questo è l’importante. Buona notte mondo.

Benicàssim

agosto 21, 2008

Buonasera a tutti. Le visite al blog aumentano di giorno in giorno e il viaggio procede benissimo, quindi siamo contenti di tutto. Continuate a seguirci, i vostri commenti ci fanno sempre piacere. 
La notte è filata liscia come l’olio, tra danze tribali improvvisate intorno al fuoco e urla a squarciagola. 
Questa mattina intorno alle 11.30 ci siamo collegati con Radio Club 103 (nostro media partner per questo e altri viaggi) per cinque minuti di diretta radiofonica (che è possibile ascoltare in podcast QUI).

Levate le tende siamo ripartiti verso sud, fermandoci dopo 40 km, a Benicàssim, una cittadina con 12.000 abitanti, località balneare con turismo prevalentemente spagnolo. Qui ogni anno si celebra il più importante festival di musica indipendente d’Europa. Purtroppo è a luglio quindi in questo caso siamo arrivati un po’ tardi. Poco male, spiagge sabbiose e mare limpido ci hanno intrattenuto tutto il pomeriggio. 

La nostra auto e sullo sfondo Benicàssim

io 🙂

Il nostro gruppo (noi più altri amici cadorini) ha vari soprannomi tra cui Kadore Bad Boys, Bonobo Family, ecc, nati da feste in baita e serate in compagnia. In questi giorni ne abbiamo aggiunto uno, ovvero LE FAINE, dovuto all’incredibile furbizia e sottile intelligenza dimostrata in certe situazioni (specie da parte del nostro eroe, il Faz… ma anche noi, non si scherza). 🙂

Vedendo alcuni pescatori sugli scogli vicino la spiaggia di Benicàssim, c’era venuta l’idea di attrezzarci per procurarci il cibo da soli… idea che abbiamo abbandonato fortunatamente quasi subito, quando ci siamo resi conto che avremmo rischiato di trovarci senza cibo, in mezzo al nulla. Un’abbondante spesa al supermercato del paese ha chiuso la questione.
Attratti sempre di più dalla “vita selvaggia” abbiamo lasciato la località balneare nel tardo pomeriggio, alla ricerca (sempre verso sud) di un posto dove accamparci. Navigatore satellitare e Google Maps, anche questa volta, si sono rivelati essenziali. 

aaa

La spiaggia dove alloggiamo questa notte

Ci siamo sistemati su una spiaggia di sassi, a circa 20 metri dal mare (la località si chiama Santa Barbàra ed è a pochi km a nord di Burriana). Intorno a noi il nulla, vediamo solo luci lontane sulla costa, di qualche cittadina sconosciuta. Gli altri preparano la grigliata (di pesce) e io scrivo. E’ strano essere qui, in tenda, lontani da tutto ma nello stesso tempo collegati col mondo, grazie a internet. E’ una sensazione piacevole. 
Le Faine mi chiamano! E’ pronto. Spengo il pc e vado a godermi il pesce. Domani… Valencia! Lo spettacolo continua!

Di fronte a noi… solo mare

agosto 20, 2008

Ci siamo accampati in una piccola baia, a San Carles de la Rapita, un paesino poco a sud del delta dell’Ebro (il secondo più grande del Mediterraneo dopo quello del Nilo). 

Il delta dell'Ebro

Il delta dell'Ebro

 Abbiamo scelto il posto dove accamparci con Google Maps: trovata una zona un po’ isolata (in questo caso il bosco che si vede al centro della prossima foto) abbiamo messo le tende a una ventina di metri dal mare, su una spiaggia di sassi, sopra alcuni scogli. Fantastico!

La zona dove ci siamo accampati

La zona dove ci siamo accampati

 …e visto che ci chiedete più foto, eccone un paio che vi fanno capire come e dove ci siamo sistemati.

 

 

Ora è sera, ormai è buio. Mentre io aggiorno il blog gli altri fanno fuoco e preparano la grigliata (poco fa è arrivata una famiglia di turisti spaventata per le fiamme e abbiamo dovuto rassicurarli che non daremo fuoco al bosco dietro di noi, che tra l’altro, è andato a fuoco giusta una settimana fa). Abbiamo comprato una griglia e un po’ di carne. Birra e risate completeranno la serata. Il rumore delle onde che si infrangono sugli scogli è musica, qualche timida stella si fa spazio tra le nuvole, le luci delle barche disegnano l’orizzonte. Non c’è altro posto al mondo dove vorrei essere in questo momento. Qui, tutto è magia.

Prima notte in tenda

agosto 19, 2008

Ci siamo accampati per una notte a Villanova i la Geltrù, un piccolo paese a 50 km a sud di Barcellona, sulla costa, che abbiamo scelto con Google Maps. Camping selvaggio, in mezzo a campi di terra e boschetti. Abbiamo acceso un fuoco e siamo stati a parlare per ore, prima di addormentarci nelle nostre nuove dimore. 

Svegliati da un caldo mozzafiato intorno alle 11, abbiamo velocemente smontato il nostro accampamento per ripartire verso sud. Ora siamo a Tarragona, bellissima località balneare piena di sorprese. Abbiamo trovato un buon campeggio e ci siamo sistemati (auto e tende, tot circa 35 euro). Va tutto alla grande… corriamo al mare! Bless.

Barcellona 2

agosto 18, 2008

Ciao amici. Giornata passata a Barcellona, per un giro turistico e un po’ di acquisti: modem usb con il quale ora siamo collegati (69 euro con 150 mb di navigazione compresi) e 2 tende Quechua (una più grande per i “vecchi” da 59 euro, una più piccola per “noi giovani” da 35 euro) acquistate al negozio Decathlon, in centro (C/ Canuda 20). Quindi i prossimi giorni, si dorme “sotto le stelle”, dove capita.
Abbiamo visitato il famoso Parc Guell, uno dei progetti più fantasiosi e colorati di Gaudì: bellissimo! Poi un’occhiata veloce alla Sagrada Familia e via! Ora sono quasi le 22 e siamo in viaggio, scendiamo a sud, verso Tarragona. Ci fermeremo da qualche parte per strada e domani… mare! Avremo un po’ più tempo per aggiornare il blog e inserire qualche chicca (ce ne sono, parecchie 🙂 ). Enjoy yourself!

Vista di Barcellona dalla Torre delle 3 croci nel Parc Gaull

Vista di Barcellona dalla Torre delle 3 croci nel Parc Gaull

Lloret de Mar

agosto 18, 2008

“E’ già da parecchi anni che la movida spagnola sembra essersi spostata in centri più piccoli, lontani dalle grandi città. Uno di questi è la piccola ma ridente cittadina della Costa Brava, Lloret de Mar. Questa è diventata la meta preferita dei turisti di ogni dove, in particolare nord europei, data la facile raggiungibilità, e l’incredibile numero di locali notturni.”
(fonte: lloretdemar.it)

Ore 3.45, rientrati ora. Personalmente sarei rimasto là tutta la notte (c’era Tiesto, uff!) ma i miei compagni sono “vecchi” e hanno preferito una partita a bowling (che tra l’altro ho vinto 🙂 ) al miglior dj del mondo. Comunque un posto simpatico Lloret de Mar, un circo, pieno di luci e discoteche.
E purtroppo anche di italiani!
Il nostro albergo è minimale, ma carino e pulito (e con wifi gratis). Meriterebbe più di 1 stella, se non fosse per la vicinanza ad una chiesetta con campane che suonano ogni 15 minuti… sembra di averle nella camera di fianco. Sopravviveremo. Buenas noches.  

Lloret de Mar

Lloret de Mar