Posts Tagged ‘notte’

Adios Spagna

agosto 30, 2008

Siamo appena atterrati a Venezia. Tutto bene. 
Ieri sera cena muy buena in un ristorantino che conosco già da qualche anno, La Palmera (C. Jerusalen 30), dietro il mercato della Boqueria. Consigliatissimo, ottima la paella. 
Abbiamo poi passato l’ultima notte in giro per Barcellona… notte caldissima. 🙂

 

E ora stiamo tornando a casa, più stanchi di quando eravamo partiti, ma anche più pieni!
E’ stato un viaggio fantastico, intenso, completo. Riguardando i primi post inseriti sul blog, ci viene già voglia di ripartire. Sorridiamo guardando le foto, sapendo che ogni più piccolo istante di questa avventura è stato speciale. 

Un po’ di numeri…
15 giorni
1.788 km percorsi
154 euro di carburante
28 euro di autostrade
60 euro di taxi
20 euro di risciò
1 notte in casa di amici
2 notti in hotel
6 notti in campeggio
240 euro di hotel
300 euro di campeggio
293 foto scattate
70 litri di birra (circa)
15 litri di sangria (circa)
20 litri di Fanta lemon (circa)
8 litri di acqua (circa) 
24 post nel blog
69 commenti
1 diretta radio
2.034 visite (alle 17.00 del 30.08.08)

Grazie a Jack, Fili, Luca e co., Tobia (la “presenza”) e tutti quelli che ci hanno seguito, commentato e condiviso con noi questa piccola grande avventura.

<< Nell’agosto del 2008 siamo stati in Spagna… CHE VIAGGIO ! >>

Ciao a tutti.

Matteo (Sir), Marco (Faz), Matteo (Porc), Fabio (Kizza)

aaa

Autogrill Ponte Nelle Alpi (BL), arrivo

Annunci

Era una notte buia e tempestosa… :)

agosto 29, 2008

Quella che inizialmente era sembrata una serata calma e quasi monotona in campeggio, si è rivelata invece scoppiettante e intrisa di colpi di scena, grazie alla “faina più anziana”, Fabio, che con una performance degna dei migliori “protagonisti della notte”, ci ha regalato momenti indimenticabili, mettendo la sua firma indelebile sulla storia di questo viaggio. 🙂
Vittima dell’irresistibile sangria e di qualche birra di troppo (a nostro parere), del ghiaccio nelle bevande o di un passeggero virus intestinale (secondo l’interessato), il nostro nuovo eroe ha animato i bagni del camping per circa 2 ore (a più riprese), con urla lancinanti e versi disumani. Inutile precisare che di vomito si è trattato e che per la comica sequenza nella quale il tutto si è svolto, non abbiamo potuto che piangerci addosso dalle risate o quasi. Lo ringraziamo anche per averci permesso di rendere pubblico l’episodio… 🙂

Abbiamo passato il nostro ultimo giorno tra piscina, tende e sala biliardo e ora ci stiamo preparando per l’ultima serata. Andiamo in centro, a salutare Barcellona e a goderci la movida spagnola. A domani, con gli ultimi aggiornamenti e tutti i numeri del viaggio.

p.s. a proposito di numeri, siamo quasi a 2.000 visite sul blog… per noi, un ottimo risultato!

La piscina del camping 3 Estrellas

La piscina del camping 3 Estrellas

Saragozza 2 e Lleida

agosto 27, 2008

Avevamo previsto una “serata tranquilla per le strade deserte della città”, ma questa Spagna non smette mai di sorprendere e così, siamo andati a dormire all’alba. Qualche dritta per passare una notte insonne a Saragozza: il Bis de Bez è un bel locale lounge vicino a P.za del Pilar (in C. Estebanes 9), mentre El Plata è un club-discoteca (a due passi dal locale sopra citato) dove non mancano mai gente e musica.
Per mangiare bene (piatti semplici, panini, ecc) e spendere poco, consigliamo invece l’Hamburgo’s (in Marceliano Isabal 5) un bar-ristorante vicino all’Avenida De La Independencia. Un “muchas gracias” a F., la nostra guida personale, che oltre ad averci sopportato per una serata intera, ci ha gentilmente ospitato nella sua dimora. 
Dopo una lunga dormita, abbiamo salutato la città dell’Expo 2008 e ci siamo rimessi in viaggio, direzione Barcellona (dove sabato avremo l’aereo per il rientro in Italia). Ora siamo a Lleida, a metà strada, e ci fermeremo qui la notte. Abbiamo trovato una zona che potrebbe andarci bene (sempre con Google Maps) e ora andremo in perlustrazione.

Sono quasi le 20.00 quindi speriamo di trovare presto un luogo adatto dove accamparci, perchè poi con il buio non è semplice sistemare tende e zona fuoco. Mentre scrivo seduto in auto, le altre 3 “faine” stanno facendo la spesa al supermercato. Il nostro viaggio sta giungendo al termine, ma non vogliamo pensarci. Abbiamo ancora 2 giorni e ce li vogliamo godere fino in fondo. Domani saremo a Barcellona e la fiesta continua! 

Foto artistica del Faz

Foto artistica del Faz

p.s. ho appena avuto una discussione animata con un gruppo di Gitani (perchè avevamo l’auto in mezzo strada), ma ho preferito scusarmi e dargli ragione subito… MAI METTERSI CONTRO I GITANI 🙂

W Barcellona!

agosto 17, 2008

Eravamo usciti per mangiare qualcosa e farci un giro veloce per i pub del Porto Olimpico… siamo tornati in hotel alle 6 di mattina! Olé!
Cena al Txapela, un ristorante a due passi da Placa de Catalunya (verso nord), in Passeig de Gràcia 8-10. In menu 50 tipi diversi di tapas, i tradizionali “cicchetti” spagnoli, uno più buono dell’altro. Le tapas sono nate in Andalucia nell’800 per accompagnare lo sherry, il dolce e celebre liquore. Il nome nasce dall’abitudine di coprire il bicchiere con una tapa (tappo o piattino) per tenere lontane le mosche. Il piattino vuoto è stato poi riempito con squisitezze a base di carne, pesce o verdure. Al Txapela ci sono tapas eccezzionali! Ne abbiamo mangiate una trentina + birra e sangria: 85 euro
Poi giro veloce sulla sempre bellissima Rambla e a piedi fino al Porto Olimpico (3-4 km) dove abbiamo optato per il pub turco (ci sono circa 25 pub uno di fianco all’altro, ognuno con musica e ambienti diversi, tutti pieni di gente in festa). Narguilè, thè alla menta e joint, seduti sulla terrazza esterna del bar. Situazione surreale per noi, normalissima per gli spagnoli. Ritorno in hotel in taxi (non facile da trovare): 9.90 euro.
E’ mezzogiorno! Dobbiamo lasciare la stanza. A poi. W Barcellona!